Olympiakos-Real Madrid, passaggio del testimone?Olympiakos-Real Madrid, passaggio del testimone?
5

Olympiakos-Real Madrid, passaggio del testimone?

Prec1 of 3Pros

Olympiakos-Real Madrid, passaggio del testimone?

Olympiakos Real Madrid, passaggio del testimone?

Pronostici Eurolega 12 Maggio (Ore 21:00 diretta SportItalia2)

Olympiakos-Real Madrid

Ultima partita di questa strepitosa stagione di Eurolega e ad affrontarsi saranno i campioni in carica dell’Olympiakos ed il Real Madrid che tutti i bookmakers vedono favorito per la vittoria finale.

Tralasciando la finale per il terzo e quarto posto tra le due sconfitte CSKA Mosca e Barcelona, iniziamo ad addentrarci in quella che può essere la lettura tecnico tattica dell’incontro, che questa sera SportItalia trasmetterà in diretta, nella speranza di poter proporre il miglior pronostico possibile ed essere all’altezza di questo capitolo finale per chiudere la stagione di coppe europee con un sorriso.

Due squadre molto diverse per caratteristiche dei propri giocatori e modo di approcciare le partite.

Olympiakos Real Madrid, passaggio del testimone?

Hines e Teodosic, top e flop della prima semifinale

L’Olympiakos, che cercherà di difendere il proprio scettro come fece per l’ultima volta il Maccabi Tel Aviv nel 2005, come mostratoci una volta di più contro il CSKA Mosca, ama tenere i ritmi di gioco molto bassi applicando una fenomenale pressione sul portatore di palla impedendo che la manovra possa fluire verso i lunghi o verso gli esterni che spesso si trovano nella condizione di dover inventare un tiro allo scadere dei 24 secondi senza però aver creato nulla di pericoloso o quantomeno un vantaggio sotto le plance per un eventuale rimbalzo. Proprio nella semifinale di due giorni fa i russi sono stati outrebounded dai greci non solo nel computo dei rimbalzi totali (cosa normale visto che la squadra di Messina ha chiuso con 52 punti), ma soprattutto in quello parziale dei rimbalzi offensivi dove Hines e compagni hanno doppiato gente come Krstic, Khryapa e Kaun.

Offensivamente i greci non hanno offerto una prestazione da antologia tirando con il 28% scarso da tre (Spanoulis chiuderà la partita con un curioso 0/6), ma sono stati letali quando ce n’era il bisogno con una panchina sorprendente guidata dall’ex Siena Pero Antic che nel primo tempo ha infilato un paio di canestri pesantissimi per l’allungo dei rossi così come è stato utilissimo il georgiano Shermadini, altra conoscenza italiana, che a fasi alterne si è fatto sentire sotto canestro giustificando un utilizzo oltre la norma.

Il punteggio di 69-52 è fin troppo punitivo per una squadra come il CSKA che paga la giornata storta del proprio leader Teodosic, ennesima bocciatura per il serbo che nei momenti chiave deve ancora migliorare ed una serie imperdonabile di errori dalla lunetta (17/30!!!) che hanno demoralizzato tutta la squadra.

Prec1 of 3Pros